"AAA - Antenne Antidiscriminazione Attive": questo è il titolo del nuovo progetto promosso da Anffas Nazionale e realizzato con il finanziamento concesso dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali per l’annualità 2020 a valere sul Fondo per il finanziamento di progetti e attività di interesse generale nel terzo settore di cui all’art. 72 del decreto legislativo n.117/2017. Il progetto, avente una durata di 18 mesi, si propone di avviare un’Agenzia Nazionale volta al contrasto della discriminazione delle persone con disabilità  e delle loro famiglie, con un focus sulle disabilità intellettive e disturbi del neurosviluppo

Nel dettaglio, il lavoro dell’Agenzia sarà articolato su diversi fronti:

  • lo studio, approfondimento, ricerca e monitoraggio sulle modalità per garantire concretamente la prevenzione ed il contrasto della discriminazione basata sulla disabilità, a partire dall’individuazione dei punti di forza e di debolezza della Legge 67/2006 e dalla definizione ed introduzione nel sistema italiano del concetto di accomodamento ragionevole (anche grazie alla collaborazione con l’ISGI – Istituto di Studi Giuridici del CNR);
  • la messa in rete di soggetti attivi o attivabili sia interni che esterni ad Anffas (sportelli informativi S.A.I., enti pubblici e privati, associazioni legittimate ad agire ex l. 67, etc.);
  • la formazione di tutti i soggetti coinvolti sulle modalità per riconoscere e contrastare la discriminazione, sviluppando una rete attiva di volontari che divengano “Antenne antidiscriminazione”;
  • il supporto concreto nei confronti delle persone con disabilità e dei loro familiari per il riconoscimento ed il contrasto delle discriminazioni, anche da un punto di vista giudiziario, e nei confronti di enti (pubblici e privati) per l’eliminazione delle discriminazioni e per l’attivazione di condizioni di pari opportunità;
  • le attività di impulso, sensibilizzazione ed informazione della comunità tutta (compresi gli organi di stampa) ai fini di facilitare il cambiamento culturale necessario.

Per visionare i documenti relativi al progetto e per maggiori informazioni clicca qui e/o qui.

ATTIVITÀ DI CENSIMENTO E MANIFESTAZIONI DI INTERESSE

In data 31 gennaio 2022 è partita ufficialmente la raccolta dati finalizzata a censire il fenomeno nonché a raccogliere le manifestazioni di interesse da parte di coloro (persone con disabilità, realtà associative, enti di Terzo Settore, cittadini, Istituzioni, etc.) che sono interessati a partecipare al percorso formativo ed a costituire una rete territoriale di referenti con la funzione di “antenne antidiscriminazione attive”. Il censimento è stato effettuato attraverso la messa online di una serie di questionari per censire tutte le organizzazioni che già si occupano o intendono occuparsi del tema nonché i singoli cittadini volontari che intendono diventare attivisti per la promozione dei diritti umani delle persone con disabilità ed antenne contro ogni forma di discriminazione.

I questionari, di facile compilazione, sono stati così separati:

  1. questionario per il censimento delle realtà facenti parte della rete Anffas
  2. questionario per il censimento delle realtà non facenti parte della rete Anffas
  3. questionario per i liberi cittadini interessati al tema

Il termine entro il quale gli stessi sono stati compiilati è stato fissato per la giornata di giovedì 10 marzo 2022. Gli stessi sono stati saranno divulgati, oltre che con tutti i canali di comunicazione oggi disponibili, anche attraverso il passaparola tra i vari soggetti coinvolti. Al decorrere di tale scadenza, Anffas Nazionale ha proceduto a fornire, a coloro che hanno compilato i questionari, le indicazioni operative per partecipare alle previste attività formative propedeutiche alla successiva attivazione delle antenne territoriali.

EVENTO DI LANCIO   -   Consulta qui il programma dell’evento

L'evento di lancio del nuovo progetto di Anffas Nazionale “AAA – Antenne Antidiscriminazione Attive” si è svolto nella mattinata di giovedì 17 marzo, dalle ore 09:30 alle ore 13:00, su piattaforma online in diretta streaming @AnffasOnlus.naz.

Si è trattato di un evento importante che è giunto, tra l’altro, a seguito del riconoscimento di Anffas Nazionale e di altre 38 strutture associative Anffas, quali associazioni legittimate ad agire per la tutela giudiziaria delle persone con disabilità vittime di discriminazioni di cui all'art. 4, comma 2, del decreto 21 giugno 2007. Il tutto a riprova del continuo e costante impegno di Anffas nel contrastare qualsiasi forma di discriminazione che, ogni giorno e in ogni ambito della loro vita, le persone con disabilità - specie con disabilità intellettive e disturbi del neurosviluppo - ed i loro familiari subiscono.

É stata, quindi, una mattinata ricca di riflessioni in cui Anffas ha voluto, attraverso gli interventi dei propri esperti, affrontare il tema della discriminazione e avviare un percorso che, tra i suoi ambiziosi obiettivi, si prefigge, ancora prima di contrastare la discriminazione, di consentire a tutti di imparare a riconoscerla.

Significativa è sta l'introduzione fatta da Giampiero Griffo, Coordinatore CTS Osservatorio nazionale sulla condizione delle persone con disabilità e dalla dott.ssa Gilda Losito, Responsabile Unità Privazione della libertà nell’ambito delle strutture sanitarie, socio-sanitarie e assistenziali c/o Ufficio del Garante nazionale dei diritti delle persone private della libertà personale che hanno portato i loro saluti all’apertura dell’evento e hanno ribadito l'importanza del contrasto alla discriminazione.

L'evento è proseguito con l'intervento da parte di Emanuela Bertini, Direttore Generale di Anffas Nazionale che ha esposto i contenuti e le finalità del progetto. Per visualizzare le slide è possibile cliccare qui

La giornata è proseguita con la relazione del Prof. Mario Mozzanica, già Docente Universitario di politica sociale e organizzazione dei servizi sociosanitari e Metodologia del lavoro socio-educativo ed esperto di problematiche sociosanitarie che ha trattato quattro elementi fondamentali: la disabilità nello scenario socioculturale postmoderno, la disabilità nello scenario istituzionale del welfare ri-generativo, le voci della/dalla disabilità e il decalogo delle 10 A del progetto AAA - Antenne Antidiscriminazione Attive. Per visualizzare le slide è possibile cliccare qui

Continua l'evento con Marco Faini, consulente di Anffas Nazionale  che ha fornito un inquadramento sociologico dei fenomeni discriminatori. Per visualizzare le slide è possibile cliccare qui

L'analisi è proseguita dagli Avv.ti Alessia Gatto e Gianfranco de Robertis, consulenti legali di Anffas Nazionale che hanno analizzato la Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità e la discriminazione basata sulla disabilità.  Per visualizzare le slide è possibile cliccare qui

Gli interventi della giornata si concludono con una prima restituzione dell’analisi sulla tutela antidiscriminatoria delle persone con disabilità in Italia a cura delle dott.sse Rachele Cera e Valentina Della Fina di ISGI – Istituto di Studi Giuridici del CNR

L'evento si è concluso con la presenza del Ministro per le Disabilità, Sen. Erika Stefani, e del Presidente di Anffas Nazionale, Roberto Speziale che hanno ribadito l'importanza di collaborare e di continuare a fare sensibilizzazione sulle forme di discriminazione nei confronti delle persone con disabilità, in particolare disabilità intellettive e disturbi del neurosviluppo, per identificarle e contrastarle.

INDICAZIONI OPERATIVE

  • PER LE CANDIDATURE DELLE ASSOCIAZIONI E DEGLI ENTI

Per le Associazioni e gli Enti interessati a partecipare al progetto ed a diventare parte della più grande Agenzia Nazionale per il contrasto alla discriminazione delle persone con disabilità e delle loro famiglie sono tenute in considerazione, in coerenza con quanto definito dal formulario progettuale e dalle richieste del bando ministeriale, le seguenti condizioni:

- Rispetto dei termini per la candidatura e completezza della documentazione indicata;
- Presenza di tutti i pre-requisiti dettagliati nel documento allegato “Informazioni per candidatura”;
- Garanzia del proseguio delle attività progettuali ovvero a permanere quale "punto" della Rete, collegata all'Agenzia Nazionale Antidiscriminazione, per almeno 2 anni dalla chiusura formale del progetto.

Per visualizzare il dettaglio del piano formativo complessivo con le date programmate (Attenzione! le stesse potrebbero subire variazioni) è possibile cliccare qui

Per tutto quanto precede, le richieste di partecipazione devono essere compilate entro il 10/06/2022 p.v., cliccando QUI

  • PER LA PARTECIPAZIONE AL PERCORSO FORMATIVO (IN QUANTO PRIVATO CITTADINO)

Per realizzare l'obiettivo progettuale, ossia imparare a riconoscere, contrastare e rimuovere pratiche/atti/attività discriminatorie ai danni delle persone con disabilità e delle loro famiglie, Anffas Nazionale ha provveduto alla realizzazione di una serie di percorsi formativi rivolti a diversi soggetti:

- professionisti/operatori/tecnici

- persone con disabilità

- familiari e leader associativi

Per visualizzare il dettaglio del piano formativo complessivo con le date programmate (Attenzione! le stesse potrebbero subire variazioni) è possibile cliccare qui

Per partecipare e prendere parte al percorso formativo, la richiesta deve essere compilata entro il 10/06/2022 p.v., cliccando QUI

 

Per saperne di più

Scrivi all'indirizzo email: nazionale@anffas.net

Segui Anffas Nazionale sui social per rimanere sempre aggiornato: 

 Facebook  Twitter Instagram